Se ti piace quello che vedi, puoi segnalarlo ai tuoi amici sui Social Network!
carta da parati a francobolli

Un po’ di storia dei francobolli

penny-blackIl collezionismo dei francobolli è un hobby diffuso in tutto il mondo e che si può far risalire al decennio del 1840, quando in Gran Bretagna è stato realizzato il primo francobollo della storia, il famoso "Penny Black" (vedi a lato). Prima di allora, il sistema postale non si basava sull’affrancatura e generalmente era il ricevente che doveva pagare all’arrivo di una lettera.
L’inglese Sir Rowland Hill intuì che si potevano introdurre delle tariffe prepagate basse e uniformi, non basate sulla distanza, ma piuttosto sul peso delle missive; l’aumento del traffico postale avrebbe compensato ampiamente il calo delle tariffe e avrebbe dato il via all’era dei francobolli. Dopo alcuni anni di dibattiti accaniti, finalmente si decise di realizzare il francobollo nero da un penny e che riportava in effige la foto della regina Vittoria.
Gli Stati Uniti capirono ben presto l’importanza di questa innovazione e realizzarono il loro primo francobollo nel 1847; lo dedicarono a Benjamin Franklin.
Il primo francobollo italiano è il 5 centesimo nero del Regno di Sardegna, datato 1° Gennaio 1851 e che ha come soggetto l’effige di Vittorio Emanuele II.
Da notare che in quel periodo l’Italia non era ancora tutta unita, per cui le varie nazioni presenti nella penisola avevano tutte delle produzioni indipendenti e chiaramente distinte.

primo del lombardo-venetoIn effetti il primo francobollo emesso in Italia è in realtà quello del Lombardo-Veneto che risale al 1° giugno 1850 e che raffigura lo stemma austriaco (vedi a lato).
Invece nel 1° giugno del 1852 c’è la prima emissione dello Stato Pontificio, con soggetto il triregno e le chiavi decussate.
Nel 1852 vengono emessi anche il francobollo del Ducato di Modena che raffigura l’aquila estense coronata; quello del Ducato di Parma con il giglio borbonico coronato; e quello del Granducato di Toscana con il Leone coronato detto "Marzocco".
Nel 1858 c’è l’emissione del Regno di Napoli con lo stemma in tre campi e tre diversi soggetti.

Cerca le Offerte


    Advanced

    Search title & description



Offerte